San Biagio di Callalta – Movimento 5 Stelle

  • Facebook

  • Visite ricevute (notazione inglese)

    • 26,564 hits

comunicato stampa M5S TV

Posted by loris13dn su 5 gennaio 2013

Comunicato stampaAlessandro Gnocchi: “Ci impegneremo a trovare insieme ai giovani spazi di aggregazione mediante la riqualificazione di aree di proprietà comunale.”  OCCUPAZIONE “EX TELECOM” : IL COMUNE NON PUO’ LIMITARSI AD ANDARE A RIMORCHIO DI GRANDI FINANZIATORI, TALVOLTA SPECULATORI, DEVE OSSERVARE I SEGNALI CHE GIUNGONO DAL TERRITORIO. Nel programma per le comunale 2013 è centrale il recupero di aree abbandonate e degradate da restituire ai cittadini senza appesantire Treviso con altro cemento.

TREVISO, 05.01.2013 – La recente occupazione dell’area “ex Telecom” ha fatto riemergere la questione che a Treviso manca uno spazio per i giovani, ma soprattutto gestito dai giovani. Vogliamo continuare a non occuparci come amministrazione, di questi nostri ragazzi, costretti a gesti forti, come quello di occupare un’area degradata a ridosso del centro? Come Movimento 5 Stelle di Treviso ci sentiamo vicini alle richieste dei ragazzi di ZTL Wake Up! Sono il nostro futuro, e se saremo la prossima maggioranza, ci impegneremo a trovare insieme a loro uno spazio, per permettere ai giovani di aggregarsi, nella piena legalità. “Nel nostro programma per le comunali 2013 è centrale proprio il recupero di aree abbandonate e degradate, specie in un momento di crisi edilizia come quello attuale” ha detto il candidato sindaco a Treviso per il M5S Alessandro Gnocchi “la soluzione è la riqualificazione e il riutilizzo, a partire dalle aree di proprietà comunale, affidandone, ad esempio, la gestione e manutenzione ad enti o associazioni in grado di restituirle alla cittadinanza. Il Comune deve essere infatti promotore di azioni positive e catalizzatore di interventi anche di privati volti al miglioramento della città per tutti i residenti.” “Chi guida una città non può limitarsi, con la facile scusa dell’assenza di risorse proprie, ad andare a rimorchio di grandi finanziatori, talvolta speculatori, che puntano alla semplice massimizzazione del profitto” conclude Alessandro Gnocchi “se il Comune rappresenta l’intera cittadinanza allora deve assumersi la responsabilità di impegnarsi perché gli interventi di trasformazione urbanistica tengano conto delle esigenze dei cittadini di Treviso, dei giovani come in questo caso, e della necessità più generale di spazi aggregativi e di un risveglio della Cultura, nel senso più ampio del termine, di questa nostra città sempre più grigia.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: